lunedì 7 luglio 2014

La storia - Parte II

I fari accesi in quella sera di luglio tagliavano l'asfalto come lame. Lui guidava da circa mezz'ora e mancava poco alla meta.
<<Credi ce la faranno?>> sussurrò lei, tenendo la busta in grembo.
<<Non lo so, ma tu hai bisogno di un bagno... e anche loro!>> rispose.
<<Sei matto? Un bagno, loro? Tanto valeva lasciarli dov'erano!>> disse indignata.
<<Ok, ok sei tu il capo! Dicevo così... insomma, anch'io vorrei si salvassero, ma devi ammettere che la situazione non è messa bene...>> provò con cautela a dirle, poi voltandosi verso di lei aggiunse <<...e cos'è quello, sangue? Potrebbero anche essere malati, per quel che ne puoi sapere!>>.
<<Non ci pensiamo adesso... e comunque credo sia ancora la placenta, ce l'hanno attaccata addosso. Se fossimo passati di lì solo un'ora prima forse avremmo preso il bastardo che li ha chiusi nel sacchetto e buttati nella spazzatura!>> cominciò a infervorarsi << E non avrei risposto delle mie azioni... giuro, gli avrei fatto davvero male!>> ora era arrabbiata.
Erano arrivati e spegnendo il motore lui si azzardò a dire <<Sono solo gatti... probabilmente malati, non prenderla così a cuore!>> ma aveva superato il limite.
<<Sono solo gatti?>> era fuori di sé e sbattendo la portiera dell'auto gli si rivolse <<E' meglio se te ne vai, lasciami le chiavi e vattene!>>
<<Amore, dai, non volevo dire... hai capito, no? Non volevo ferirti, ma su... dai... guardaci un attimo: stiamo litigando per dei gatti!>>

Per motivi di copyright la storia è stata troncata

 


Entrambe le foto appartengono a Hoover&Co.
Per leggere la Prima Parte clicca qui.
Qui invece per leggere il seguito.


I fatti narrati non si attengono alla realtà di quelli realmente accaduti. La storia è stata romanzata nelle parti riguardanti i personaggi. Ciò che invece è capitato ai cuccioli è stato integralmente riportato nella sua verità.  

NOTA: Come da disclaimer presente in "Nel tempo libero faccio il Gatto" è vietata ogni riproduzione totale o parziale dei testi presenti in queste pagine previa richiesta all'autore stesso. Per qualunque dubbio o richiesta di chiarimento inviare una email a neltempoliberofaccioilgatto@gmail.com

14 commenti:

  1. Piccoli.....................attendo con ansia il finale!!!
    Anch'io faccio lo yogurt in casa e per il dosaggio del vasetto mi tengo sui 120 gr !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ero persa un attimo e non capivo dove avevo aggiunto lo yogurt nel post! *_*
      Poi ho capito! :D
      Beh il finale non è così scontato, ma ci vuole un po' prima di leggerlo. La storia è suddivisa in cinque parti! :)

      Elimina
  2. ....sai che mia mamma, domenica mattina è andata a riprendere due dei suoi canarini dal veterinario, e lì, c'era una signora che aveva appena recuperato 4 gattini che erano stai gettati nel cassonetto dell'immondizia..li ha portati dal veterinario per farli rimettere in sesto..e ora, si sta cercando una famiglia per quelle dolcezze..

    attendo anche io il seguito...:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce ne sono parecchi di bastardi in giro, eh? è_é

      Speriamo di non deludere il pubblico, allora! :)
      Il finale lo si leggerà il 15 luglio! :D

      Elimina
    2. I 4 gattini hanno trovato casa...ora il veterinario si sta preoccupando di svezzati prima di mandarli dai nuovi padroncini :)

      Elimina
    3. Che meraviglia! Io capisco che forse chi non ha mai avuto modo di apprezzarli non capisce quanto sia profondo l'animo dei gatti. Io ho avuto ed ho tutt'oggi questa fortuna e una notizia come questa (che nella realtà dei fatti tratta di 4 vite salvate) mi riempie il cuore! :)
      Grazie per avermelo fatto sapere, dolce Mary! :)

      Elimina
  3. Amorini loro <3 <3 <3 Sono curiosa anche io riguardo il finale... intanto ti mando un bacio, buon inizio settimana! :) :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Vale, sei sempre così carina! :)
      Un bacio a te! ^_^

      Elimina
  4. Che spettacolo, dolcissimi... non vedo l'ora di leggere il finale! Un bacione e grazie per il dolce commento che mi hai riservato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie a te, Michela! Grazie a te! :)

      Elimina
  5. Ho avuto alcuni giorni concitati e sono riuscita a venire qui solo ora... bellissima questa storia, anche se che angoscia fin qui! Queste foto stringono il cuore in una morsa, per l'amore ma anche la fragilità di questi piccolini, esposti ad ogni pericolo e male. Ma è la storia del "ratto"?? :-) Spero che il finale sia lieto... complimenti comunque, scrivi proprio bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' sempre un enorme piacere accoglierti, cara Silvia! Tu più di altri forse puoi capire cosa significhi vedere delle povere anime abbandonate provare a lottare per sopraffare la più grande disgrazia e restare in vita... quando ci riescono è comunque sempre una gioia che riempie il cuore! :)
      Non svelo niente, ma grazie, grazie davvero per i complimenti (che forse non merito in realtà!), fa sempre un bell'effetto leggerle! :D

      Elimina
  6. Sai che penso? Che il concetto di maternità abbia a che fare con tutto questo... istinto di salvare, proteggere, curare... quella lotta per la Vita, quell'amore che esplode improvviso... un attaccamento che magari razionalmente non si può spiegare ma si sente... forte...
    Non ho mai visto dei micetti appena nati, così minuscoli... so che mi credi se ti dico che mi emoziono tantissimo e mi vengono quasi gli occhi lucidi anche solo attraverso una foto...
    Dovresti scrivere un libro di racconti felini, tu...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riguarda forse più di tutto e sopra-a-tutto la determinazione di mettersi da parte perché c'è qualcun altro da anteporre. Quando non si hanno figli - o non li si può avere - anche se con le dovute cautele e le distinzioni d'obbligo, i gatti (o comunque tutti gli animali cui ci si affeziona) sono come figli. Hanno costantemente bisogno di protezione e anche di una guida. Hai ragione proprio tu quando dici che ha a che fare con questo... ha tutto a che fare con questo!
      I micini di un giorno o due son grandi poco più di una pera piccola. Entrano in una sola mano e sono fragili che hai paura anche a guardarli. Ma hanno una forza che meraviglia!
      E' bella l'emozione che ti hanno trasmesso perché so che è sincera e so che è pura perché l'ho vissuta tal quale! Ed è un piacere condividerla!
      ...un libro di racconti felini lo leggerei volentieri alle mie bimbe pelosette! Mi fanno arrossire queste tue parole, perché in sincerità non credo di poterne essere in grado, ma sei davvero dolce a scriverle per me! Grazie! :)

      Elimina

Chiunque tu sia, grazie per avermi dedicato il tuo tempo...