venerdì 26 giugno 2015

Come nasce un buon Cafè (alla panna)!

E' stato come un lampo.
Silvia esce dalla sua auto appena parcheggiata di fronte al grande casale. Nota svogliatamente le altre auto lì ferme, ma si domanda come mai non ci sia qualcuno nei paraggi! La giornata è limpida e l'orario ormai permette una piacevole sosta al sole. Si appoggia al cofano e con la mano destra tamburella sulla borsa appoggiata alla spalla. La giovane non sa che fare, né dove dirigersi, quindi decide di chiamare sul cellulare la padrona di casa per chiederle spiegazioni.
E' a quel punto che proprio lei le viene incontro - chissà da dove - con passo svelto e gioioso. A metà strada si ferma e le fa un cenno con la mano. La invita evidentemente a seguirla.
Silvia non se lo fa ripetere, anche perché i sorrisi nati nel frattempo sono contagiosi; si volta di scatto verso l'auto e puntando al bagagliaio va a prendere la scatola che ha portato con tanta premura per l'incontro di quel giorno.
<<Dobbiamo passare dal giardino, ci sono... ehm... dei lavori in casa!>> le dice Roberta sorridendo, non appena l'altra le si ferma di fronte, poi l'abbraccia con calore come non vedesse una vecchia amica da troppo tempo.
<<Bene! Una passeggiata mi sgranchirà le gambe!>> risponde impacciata Silvia, ricambiando l'abbraccio con una sola mano, dato che con l'altra tiene il pacchetto.
Le due s'incamminano per una stradina laterale costeggiata a sinistra dal casale e a destra dal bosco fitto e colorato.
<<Mi parlavi di lavori! Di che si tratta?>> domanda curiosa Silvia.
<<Mah! Nulla di così importante... è un progetto che sto portando avanti da un mesetto...>> risponde evasiva l'altra <<...poi sai, trasferirmi qui ha praticamente fermato il tempo...>>
<<Immagino!>> la interrompe Silvia <<Sono certa che la calma di questo luogo debba darti questa impressione, vero?>>
<<...mmh, sì! Qualcosa del genere!>> chiude il discorso Roberta.
Arrivata sul retro Silvia scorge la grande vetrata che dà sull'interno e dopo aver liberato le mani poggiando tutto su un tavolino lì vicino, chiede a Roberta di raccontarle qualcosa sulle stanze per gli incontri letterari.
Un ampio sorriso illumina il volto della piccola padrona di casa, la quale si profonde in una minuziosa descrizione dell'idea di distribuire le sale l'una accanto all'altra. Appena varcata la vetrata, un ampio ingresso rotondo ospita sei porte tutte differenti.
<<La prima alla nostra sinistra è la Classic Room, come vedi la porta è in mogano scuro. Seguono la Modern Room che ha la porta in betulla chiaro spazzolato e la Vintage Room con la porta in rovere sbiancato>> comincia a spiegare lei.
<<Originale! E scommetto che la mia è quella!>> Silvia punta decisa il dito verso la prima porta dopo il corridoio che divide la stanza rotonda a metà.
Appena accanto al corridoio c'è una porta ricca di arzigogoli, ha uno stile orientaleggiante: è in ciliegio con venature rossicce. Ha la forma di un arco, ma termina in alto con una punta. Al centro ospita una vetrata multicormatica anch'essa a punta per seguire la cornice. La maniglia a forma di diamante è di vetro e porta direttamente alla Bohemian Room. 
<<Caspita, sì! E' proprio lei!>> sorride ammirata Roberta <<Accanto a quella ci sono le ultime due porte che danno rispettivamente sulla Minimal Room e sulla Shabby Chic Room>>.
<<Ehi, sono le 17! Facciamo merenda e cominciamo?>> propone Silvia.
<<Ma certo!>> replica l'altra <<Seguimi nel Cafè!>>


NOTA: I nomi, i personaggi, i luoghi e gli eventi raccontati sono frutto della fantasia dell'autore, pertanto eventuali riferimenti a fatti e/o persone (laddove non specificato e se già in pertinenza richiesto agli interessati) è puramente casuale. Questo testo è di proprietà dell’autore ed è protetto dalla legge sul diritto d’autore n.633/1941 e successive modifiche. Come da disclaimer presente in "Nel tempo libero faccio il Gatto" ne è vietata ogni riproduzione, copia, pubblicazione o redistribuzione totale o parziale previa richiesta all'autore stesso.

10 commenti:

  1. Mi mancava lasciare un commento anche qui!! ti faccio sorridere subito perchè che Silvia riesca a parcheggiare bene una macchina è già per questo un bellissimo racconto!!! ahahahah, sono contenta che siamo riuscite a far merenda insieme, è stato proprio un bel pomeriggio!...e poi la créme brulée si mangia fredda quindi a maggior ragione è perfetta per questo caldo! Io non potrò fare a meno di continuare sempre la lettura dei tuoi racconti cara Roberta! grazie ancora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cucciola ma grazie a te per esserti prestata e piuttosto per non avermi denunciata! XD
      Giuro che durante i prossimi episodi mi lancerò anche in opere di salvataggio con jet supertecnologici alla Mission Impossible! Mai dire mai!
      Anzi meglio non dirlo perché altrimenti davvero mi ci metto d'impegno e vi rendo tutte delle mitiche 007! :D
      Grazie di cuore a te per il bel pomeriggio! ;)
      Un bacio grande così! :*

      Elimina
  2. Quanto mi piace questo scambio di parole tra persone belle, belle perchè pure, aperte, sognatrici... e vere! Silvia è una coccola alla panna come il suo blog, tu, Ro, sei una gatta speciale che sa accogliere e porgere la mano-zampetta per invitare a banchettare con gioia, perdendosi tra confidenze e fantasia... mi metto seduta con voi, al caffè, non per essere invadente, ma perchè ci sto bene lì in mezzo, so che avremmo tanto da parlare e ridere, noi tre!
    ps: posso arredare un po' la Shabby Room? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Franci tu puoi fare tutto ciò che vuoi! :)
      Questo angolino ormai è tutto vostro... e se vero incontro dev'essere, allora ti aspetto all'appuntamento di là con Silvia! Sono certa che i nostri "piedini nudi" saprebbero come tenersi compagnia. Su una cosa hai assolutamente ragione: Silvia è assolutamente una coccola! E' stata lei a coccolarmi per tutta la durata dell'incontro e mi ha commossa come non immaginavo!
      Come te del resto, che hai la mia stessa mano-zampetta e riesci a riconoscere le cose buone e le persone saporite anche da lontano! :)

      Elimina
  3. Lo dico sempre...sei fuori dal comune tu...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ma tu che mi capisci e riesci a seguirmi ovunque, allora?
      Te lo dico io!
      Sei speciale! :*

      Elimina
  4. mitica! e non dico altro...passo dalle tue parti e mi perdo tra queste cose belle, tra i pensieri profondi, tra la condivisione vera....e poi? bè poi ho fatto un giretto al tuo caffè.E poi?...bè, e poi ho scelto una stanza.E poi???? .... smack , a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... e poi stiamo a guardare cosa accade! :)
      Troppo, troppo buona!
      Grazie Robi per essere passata! Grazie per esserci.

      Elimina
  5. bellissimo leggere questo racconto e questo incontro tra persone deliziose :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Annalisa caspita, benvenuta!
      Grazie, grazie davvero! :)

      Elimina

Chiunque tu sia, grazie per avermi dedicato il tuo tempo...