domenica 3 luglio 2016

Se il mio nome

Mi immagino ogni giorno come essere umano diverso. Mi spaccio per qualcuno che non sono, invento storie nuove e imparo da me stessa. A volte ballo con i nomi. Ce ne sono alcuni dolci e melodiosi, altri aspri ma fascinosi.

Ad esempio se mi chiamassi Ginevra, sarei una bimba di 5 anni, bionda con la frangetta e i capelli lisci. Avrei gli occhioni nocciola e non mi stancherei mai di correre. Sì, perché Ginevra è un nome che vola con il vento e accarezza l'erba, scivola su prati smeraldini di primavera e rincorre gli aquiloni. Sarei forte, caparbia e cuoriosa. Un piccolo animo in divenire che lotta fin da subito con i perché della vita.

Se il mio nome fosse Arianna, avrei 15 anni. Con i fiori tra i miei ricci rossi ballerei per le strade, portando lo zainetto in spalla e sottobraccio ad un'amica. La musica sarebbe una passione e uno stile di vita. Danzerei anche per calmare l'ansia. Cercherei conforto tra le note, perché le piccole crisi mi starebbero dannando l'esistenza. Sarei un'adolescente ricca. Ricca dentro, s'intenda! Piena di valori buoni, ma con una grande paura di vedere quanto veramente vale il mio carattere. Timida e forse impacciata, mi affaccerei alla vita con grande entusiasmo... ché un po' la danza aiuta a camminare.

Se io fossi Mela, amerei il mio nome alla follia. Avrei 21 anni e una forte passione per l'arte e la scienza. Guarderei l'uomo che ho accanto con i miei occhi neri e sinceri e saprei di volere passare l'intera esistenza assieme a lui. Lui che capisce bene com'è fatta la mia mente. Lui sa che sono razionale, con sani principi pratici, ma sinuosamente artistici. Di nascosto comprerei quadri di giovani pittori di strada e ne farei il mio tesoro prezioso, consapevole che un talento simile non potrei mai acquisirlo.

Se mi chiamassi Lilia, avrei le labbra carnose e gli zigomi alti. A quasi 28 anni starei preparandomi al matrimonio con la gioia palpabile di chi sta realizzando un sogno. Avrei faticato a lungo per studiare e trovare un lavoro stabile. Commossa e grata al mondo, starei facendo un passo dopo l'altro verso la felicità tanto agognata. Fiduciosa, ottimista e pronta a scrivere di nuovi meravigliosi ricordi tra le pagine del libro della vita che sto scrivendo con le mie azioni.

Se il mio nome fosse Simona Monti, avrei gli occhi più blu del cielo, limpidi di giovinezza. I miei 33 anni non si vedrebbero poi tanto e tu stesso non sapresti darmene più di 20. Sarei determinata, coraggiosa e fiera. Avrei amato incondizionatamente il mio uomo e con lui avrei cercato un figlio. La gioia sotto pelle di una scoperta simile mi avrebbe reso la donna più felice del mondo. Porto in grembo il mio bambino e nulla può andare storto. La vita è meravigliosa. Perciò stasera esco. Sì, a cena con gli amici. Magari festeggiamo, non rientrerò tardi... tra qualche giorno torno a casa, in Italia.
Finalmente torno a casa.


Un nome. Una donna tra tanti. Una vita. Una lacrima per lei.

14 commenti:

  1. Non ci sono parole leggendo questo post, solo tristezza e commozione.
    Non ci sono parole pensando a lei e alle altre vittime

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero Patri... è proprio vero...

      Elimina
  2. La tua sensibilità non poteva rimanere indifferente...mi stringo alle famiglie delle vittime con sincero cordoglio.
    Un abbraccio a te Robi <3

    RispondiElimina
  3. Questo mondo mi piace sempre meno, anzi, non mi piace più...e io faccio sempre più fatica. Vorrei fuggire lontano, andare via...vorrei non vedere più tutto questo orrore, questa cattiveria, questa intolleranza, tutto questo ODIO che avvelena il sangue, il cuore, la pelle e il cervello...mi sento inadeguata, inadatta...fragile. Le vittime degli attentati siamo noi, un giorno potremmo essere davvero noi...perché nessuno di noi è immune.
    Ti abbraccio Ro <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so Mary... io trovo assurdo tutto ciò nel 2016! Nel 2016, cavolo! Secoli e secoli per crescere e civilizzarci e guarda qui il mondo in cui viviamo... un disastro...
      Abbracciamoci noi, che di sentimenti positivi c'è più che mai bisogno! <3

      Elimina
  4. che commozione e che profondo dolore....le tue parole colpiscono e fanno riflettere ....come sempre. un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...purtroppo la commozione questa volta è per qualcuno che non c'è più. Vorrei potervi regalare sempre commozione derivante da sentimenti positivi, ma soffermarsi a volte è necessario. Riflettere, capire, conoscere lo è.
      Un grande abbraccio a te, cara omonima! <3

      Elimina
  5. All'inizio del post sorridevo.. leggendo i vari nomi... le varie età e situazioni.. immedesimandomi nell'una e nell'altra.. Poi quel nome Simone Monti.. mi s'è stretto il cuore.. mi sono commossa... Io non ho piùparole in questi ultimi giorni.. mesi.. anni.. Troppi attentati.. troppi morti.. troppi! Non solo negli attentati.. anche povere donne/ragazze/bambine vittime di uomini gelosi, pazzoidi, pervertiti.. Questo mondo non mi piace più tanto! Ti abbraccio forte forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...oh Claudietta, gli animi sensibili si ritrovano e si riconoscono... anche io come te ho provato un forte senso di stordimento, commozione, tristezza. Ci sono cose che fanno male e lasciano il loro atroce segno.
      Non dovremmo mai perdere questa empatia e insegnarla a chi verrà dopo di noi sperando in un futuro migliore.
      Ti abbraccio stretta! <3

      Elimina
  6. Credo che queste tue parole siano uno splendido omaggio a vittime innocenti...
    Grazie, per aver "urlato" sottovoce che non possiamo restare indifferenti.
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna cara, è un piacere sentire la tua voce, leggere le tue parole. Non bisogna restare indifferenti e provare con i mezzi che si possiede a dare un contributo anche minimo, credo sia essenziale a non perdere l'umanità che tanto sembra avere abbandonato questo mondo.
      Non bisogna dimenticare.
      Grazie a te per essere passata a trovarmi.

      Elimina
  7. Che grande dolore per tutte queste nove vittime innocenti, non possiamo restare indifferenti verso queste atrocità. Ti ringrazio per aver espresso questo pensiero. Basta guerre e odio!! Un abbraccio cara Robi!😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per averlo ben sottolineato assieme a me!
      Un bacino! :*

      Elimina

Chiunque tu sia, grazie per avermi dedicato il tuo tempo...